Italia-Uruguay, guardala con il presidente Forcieri!

Vanoli

Mancano poche ore a Italia-Uruguay, partita decisiva per il futuro dell’Italia nella Coppa del Mondo. In caso di sconfitta, gli azzurri saranno uccisi a bastonate da un commando di ultras già a bordo dell’aereo, che sarà fatto schiantare su casa di Dino Zoff. In caso di passaggio del turno, la nazionale sarà giustamente inserita nella cerchia delle favorite per la vittoria finale, ma naturalmente con qualche carta in più, anche in virtù delle due coppe del mondo vinte di fila nel 1934 e nel 1938. Come vedere la partita? Nel solito modo – al pub con l’amante, guidando, in streaming pur avendo l’abbonamento sky tanto per sentirsi giovani – oppure approfittando dell’ospitalità del presidente dell’Autorità Portuale spezzina, Reyner Forcieri. Appuntamento alle 17.45 sotto la dimora sarzanese dell’ex sottosegretario alla Difesa a Zona per godersi la partita in un’atmosfera libera da medievismo. Guai a presentarsi a mani vuote: una bottiglia, qualche pasticcino e il lobo dell’orecchio del membro di qualche comitato ambientalista possono andare bene. “E se perdiamo – ha scherzato Reyner, disturbato telefonicamente da SS mentre dormiva con gli occhi aperti siglando accordi con MSC crociere e contemporaneamente tenendo una conferenza stampa, ospite della Lega Anseatica – facciamo ricorso al Tar di Copacabana, così proviamo l’ebbrezza del passatismo!”

Fausto Minali