Palme a rischio, arriva anche il punteruolo di centrodestra

Non c’è pace per le palme del meraviglioso comprensorio spezzino. Dopo la piaga del punteruolo rosso, è infatti in arrivo anche il punteruolo di centrodestra. Un’infestazione bipartisan destinata ad uccidere tantissime palme innocenti sotto le quali si può prendere ombra o qualche malattia perché sopra ci abitano i topolini (qui la denuncia di Nuova Degenerazione). “Ora si parla tanto di questo punteruolo di centrodestra, una trovata estemporanea e davvero sgradevole. – spiega in una nota il Partito Democratico spezzino – Noi di parassiti ne abbiamo creati tanti negli anni, da sempre, e il punteruolo rosso è senz’altro il più terribile perché lavora anche dopo le 14″. Secondo indiscrezioni di ambiente fitosanitario, il punteruolo moderato avrebbe già cominciato a insidiare diverse piante del capoluogo, sfinendole con dei discorsi anti tasse e sentendosi dire dalle palme stesse che l’occasione per fare la rivoluzione liberale ce l’hanno avuta, colpa loro che non l’hanno sfruttata. Il vice sindaco Jean Philippe Ruggia si è fatto sentire con decisione: “Le palme malate saranno abbattute. O almeno un po’ giù di corda”.

Fausto Minali