Don Gnocchi, niente trasferimento a Spezia. Frigidaire (F. Italia): “Povero parroco!”

“Don Gnocchi, salta il trasferimento da Sarzana al Polo di via Fontevivo”: così titolano da 5-6 giorni i giornali locali di regime. Un dramma, ma per fortuna la politica non sta a guardare. Alla questione, con buon cuore, ma comunque a modo suo, si è affezionata l’esponente spezzina di Forza Italia Maria Paola Frigidaire. “E’ davvero una vergogna che questo Don Gnocchi non possa avere certezze sul proprio domicilio, – ha tirato a indovinare in un comunicato inviato in PDF perché fa figo – povero parroco, quanti patemi. Il sindaco Friedenreich deve attivarsi per risolvere questo problema entro giovedì, anzi proprio giovedì, così posso scrivere su Facebook: giovedì gnocchi! Mi sembra una cosa simpatica”. Il primo cittadino non si è fatto attendere e ha risposto su Facebook, che i genitori, dopo un mese di punizione, gli hanno permesso di usare di nuovo: “Cofferati fa tanto il furbo, – ha esordito sbagliandosi – no, volevo dire che il trasferimento salta perché il Polo di via Fontevivo sono sei piani e per un parroco solo mi sembrano un po’ troppi, non è mica il cardinale Bertone, poi Papa Francesco si scoccia. Certo, la situazione dispiace, anche per il rispetto che ho per il figlio del prelato, il comico Gene”.

Fausto Minali