Corridoio IKEA, spedizionieri contro l’AP: “Costa meno a Mondo Convenienza”

Guerra aperta all’interno del controverso mondo della portualità spezzina. Come testimoniato anche da quotidiani online senza pretese (qui), gli spedizionieri locali sono piccatissimi con il presidente dell’Autorità Portuale, Reyner Forcieri, perché ha optato per il Corridoio Ikea. “E’ inaccettabile che l’AP abbia voluto prendere dall’Ikea anche il corridoio, – ha dichiarato il leader degli spedizionieri Aleandro Larghezza – avevamo già presto il Melltorp, la libreria Billy, il Lack. E poi naturalmente chi si mette a montare tutto, con le vitine e le istruzioni senza disegni? Non certo Forcieri. Tocca sempre a noi. Stavolta volevamo cambiare. Da Mondo Convenienza c’è un corridoio bellissimo che viene anche poco. Lo compriamo a Prato, lo facciamo arrivare in porto, e noi spedizionieri facciamo tutte le pratiche e riusciamo anche a guadagnare quei 2-300 euro per mangiare”. Incalzata dalla stampa sulla preferenza accordata al colosso svedese, l’AP in una nota ha dichiarato di “considerare Ibrahimovic un grande campione al quale manca soltanto la Champions”. Una risposta che ha fatto innervosire Larghezza, il quale in un raptus d’ira ha distrutto tre boccette di balsamo. Sulle grane interne allo scalo spezzino sta danzando il porto di Genova, che in fatto di arredamento e design d’interni non ha rivali. Proprio l’altro giorno ha approfittato di un fuori tutto da Lusso Accessibile per comprare una poltrona bellissima, in opossum, per la moglie del presidente Merlo. Magari fra un paio di mesi – speriamo – gliene danno un’altra, ma nel frattempo tanto vale star comunque comodi.

Paolo Frates