Bambino si buca con una siringa alla Maggiolina, la protesta: “Rubano la scena ai drogati”

E’ successo ancora. Dopo l’episodio di qualche settimana fa, quando – guarda caso – al governo regionale c’era ancora il centrosinistra (che poi con questo Renzi di “centro” non è che ne sia rimasto molto!), un altro bambino si è bucato con una siringa al Parco della Maggiolina. Le mamme spezzine sono così ancora insorte contro il degrado, la droga, la noncuranza mostrata dall’amministrazione guidata dal sindaco Friedenreich. Ma i residenti l’hanno fiutata diversamente, sospettando che i bimbi ci abbiano preso gusto a bucherellarsi. “Così facendo – protestano dal comitato Una Maggiolina Tutta Matta – questi bambini, flirtando con il proibito, rubano la scena ai veri drogati, tossicodipendenti di lunga data che con professionalità infestano parchi e aree gioco da anni. Fategli delle stanze del buco apposta. Ai bambini”. Per ovviare a questi spiacevoli inconvenienti – ma bisogna anche saper campare! – l’assessorato alle sevizie sociali ha stipulato un protocollo d’intesa con l’Asl 5 grazie al quale ogni sera una serie di operatori delle Coop Rosse ripuliranno il Parco della Maggiolina dalle siringhe e queste, dopo una bella lavata col Nelsen Piatti, saranno utilizzate per i prelievi (e soltanto per quelli, ci mancherebbe) presso gli ospedali spezzini. Poi,certo, se anche gli operatori delle Coop Rosse cominciamo a bucarsi è il classico cane che si morde la coda e magari fa anche i bisogni nell’area giochi, e allora scatta il voto di protesta (Altra Liguria).

Omar Bozo