Jean Pedrone: “Ripa aperta entro Natale Copto”

Proseguono i lavori per la messa in sicurezza della Ripa, la famosa strada chiusa per il rischio frana che collega la bassa val di Vara e la val di Magra e altri posti molto, molto umidi. Su indicazione dell’assessore regionale a parecchie cose, Jean Pedrone, ex sindaco di Ameglia e ex fidanzato di diverse mie amiche, sta facendo continue pressioni sulla ditta impegnata nell’intervento affinché rispetti i tempi. L’assessore ha comunque assicurato che scende nella sua cantina due volte al giorno a portare da mangiare ai figlioletti del titolare (foto), rapiti la settimana scorsa dai ragazzi della Protezione civile. Jean Pedrone, fiutando aria difficile, ha comunque messo le mani avanti per evitare l’Ira dei residenti, noti terroristi irlandesi: “Avevo detto che il senso unico alternato sarebbe stato istituito entro Natale – così in una nota scritta con quella faccetta che ha fatto nelle foto contro il femminicidio – ma intendevo Natale Copto, che cade a metà gennaio. O forse intendevo Natale di Scientology, che sarebbe verso giugno, ora devo un attimo vedere”. Purtroppo i lavori sono rallentati da qualche difficoltà nel reperimento dei materiali, soprattutto il pan di zenzero per le strutture anti frana e le foglie di coca per gli operai, anche perché di foglie ne è arrivato solo un cassone e per dispetto se l’è masticate tutte il presidente della Provincia, Arthur Friedenreich, e per la botta gli è apparso dopo un anno e mezzo Johnny Giannini dei Cinque Stelle.

Omar Bozo