‘Cena in bianco’, i commercianti rilanciano: “Ora una bella Cena in nero”

Grande successo ieri sera in Piazza Garibaldi per la “Cena in bianco”, insipido evento organizzato da Comune e commercianti per risanare la flora intestinale degli spezzini ed evitare quindi eccessive sollecitazioni per la rete fognaria, che comunque grazie a recenti migliorie non scarica più tutta in mare, ma in parte, correttamente, nelle piscine comunali, tanto le persone non benestanti non ci fanno caso. Un’abbondante e fastidiosa folla si è raccolta attorno alla fontana della piazza, fontana famosa perché ricorda la piccante immagine di un melone cominciato, e ha gustato il riso scondito, la mela cotta, una fetta biscottata. Ci fossero stati una fuga di gas o un incendio devastante, sarebbe sembrato di essere all’ospedale. Intenzione dell’amministrazione comunale è ripetere l’evento al più presto, ma i commercianti, pur soddisfatti, nonché perennemente impegnati a fare quei discorsi motivazionali tremendi, vorrebbero qualcosa di leggermente diverso. “Altro che’Cena in bianco’, servirebbe una bella ‘Cena in nero’ – hanno spiegato in una nota congiunta Arti maggiori, Arti minori e Arti inferiori -, con il classico laboratorio per bambini ‘Fai lo scontrino alla mamma’, dove i più piccoli realizzano delle ricevute fiscali di pongo, prive di valore, e poi vediamo se qualcuno vuol dare la colpa a degli angeli innocenti. Ricordiamo che i commercianti non sono soltanto persone che legittimamente puntano al profitto, ma svolgono anche un impahuahahaaa ahahaaaaa”.

Paolo Frates