Pedofili contro le giostre ai giardini: “Ci sporchiamo tutti, troppo fango”

Continua la polemica a Sarzana per l’installazione di un luna park sull’erba dei giardini di Porta Romana. Dopo le rimostranze da parte dei bambini del centrosinistra, adesso si fa sentire il mondo dei pedofili locali. “Una scelta davvero assurda – si legge nella nota diffusa dai sindacati Cgil Orchi, Cisl infanzia violata e Pedoworld Uil -. Noi pedofili iscritti all’albo non chiediamo che ci portino le prede sul vassoio, ma almeno pretendiamo di poter lavorare in condizioni minime di decenza e sicurezza. Sono bastate poche ore di pioggia per rendere il luna park una palude, sono giorni che andiamo a monitorare i bambini indossando stivali da pescatore. Se li stiamo a osservare morbosamente per più di due minuti sprofondiamo fino al ginocchio, è inaccettabile”. L’amministrazione comunale è intervenuta proponendo ai mostri un pacchetto free che comprende appostamenti alla limitrofa scuola media e tutela legale gratuita, ma i pervertiti hanno rifiutato: “Non vogliamo contentini – hanno spiegato i pedofili della Val di Magra -, siamo delusi da questa amministrazione e non la voteremo più. Anche se a dire il vero noi storicamente votiamo il centrosinistra perché la destra vuole farci la castrazione clinica mentre i compagni ci mandano in carcere per finta e dopo due mesi siamo già a dipingere le maioliche per il reinserimento in società”.